FANDOM


Bellabella

Great Northfinal2

Mappa dei luoghi conosciuti/scoperti.

Dramatis PersonaeEdit

1ufu2

Úlfheðinn (Alessandro) - Vichingo dalla sovrannaturale forza di volontà. Paragonabile a Beowulf. (Oathsworn)




1hilde


Hilde (Corinne) - Guerriera che vuole radunare l'esercito più impressionante che il Middlehim abbia mai visto solo per sconfiggere il padre che la imprigionò in una grotta. (marescialla)



1daki


Daki Bane (Dug) - Spadaccino magico Lijosalfar.





1enri


Randver Oäkta (Enrico) - Assassino probabilmente discendente da abitanti del Muspelheim





1Sven43

Sven Ingenson (Jul) - Bardo ed avventuriero alla ricerca di una risposta dietro alla malasorte della sua famiglia (interamente sterminata).




1rewit


Rewit (Matteo) - Valorosa Tigre delle Nevi Mannara.






1thom

? (Thomouze) - Una Jotun (gigante dei ghiacci) che combatte con il suo elemento con brutale efficacia. Condivide con il ghiaccio un'affinità del tutto sovrannaturale.




1Clem



? (Clemente) - Un arciere letale, dalla mira infallibile e dal coraggio tenace, che ha una passione per le donne decisamente poco femminili.

1Gam




Gamalor (Tufa) - Un saggio chierico di Hodur, che non teme di scatenare il suo potere magico devastante contro chiunque non gli vada particolarmente a genio.

TramaEdit

Profondo Nord, tanto tempo fa.

E' il sesto anno di un rigidissimo innaturale inverno: la neve continua a cadere imperterrita, i campi gelati sono ormai impossibili da coltivare, gli animali muoiono sotto la stretta morsa del gelo e il sole, che un tempo riscaldava tutto il Nord con i suoi raggi benefici, sembra essere diventano solo un ricordo da quando le nubi lo hanno inghiottito in una oscurità senza fine.

Snowstomr

Al 3° anno di inverno, le bestie vengono abbandonate: il cibo non basta per tutti.

La guerra per la sopravvivenza sembra non avere fine: le scarse risorse presenti nel territorio spingono i regni a combattersi l'uno contro l'altro in battaglie atroci, cosicchè la spada dia il colpo di grazia alla fame e alla paura. Soltanto una città sembra portare la luce della speranza: Thorodil, una possente città circolare protetta da una gigantesca cupola magica che impedisce al gelo di distruggere i suoi raccolti e i suoi bestiami. Così Re Uther, sovrano di Thorodil, assieme al suo fedele druido Toutatis, provvede a sfamare (per quanto è in suo potere) quasi tutto il territorio del Nord, diventando un alleato prezioso per tutti i regni; ma una minaccia demoniaca veglia nell'ombra: tutti su Midgard sanno che questo inverno lungo e mortale è il primo monito di una inevitabile catastrofe....

Episodio 1: Il Nord non dimentica Edit

Un gruppo di temerari (quanto spacconi) eroi giunge a Thorodil su richiesta di Re Uther, poiché una maledizione grava sulla città: sono ormai giorni infatti che una tempesta di vendetta si abbatte sulla cupola magica della città, tentando di fare breccia e radere al suolo ogni cosa.

Viking by miq mifune-d34vyaz

Un ritratto di Re Uther

Dopo aver picchiato qualche povera guardia innocente e seminato il terrore tra i contadini, i nostri eroi si accorgo che dei non-morti (tanti non-morti) stanno pian piano appropinquandosi alla città con l'intenzione di attaccarla. Il panico si spande a macchia d'olio, e tutti, tutti quanti (compresi i druidi addetti al sostentamento della cupola) corrono per vie e verso le mura, per cercare di capire cosa sta accadendo.

Mentre l'arciere Clemente, dall'alto delle mura, trafigge quanti più non-morti può vedere, Daki Bane e Rewit riducono a polvere tutti quelli che si avvicinano troppo alla porta della città.

A questo punto, Úlfheðinn si spoglia del suo equipaggiamento e corre nudo per il campo di battaglia urlando come un forsennato nel coraggioso tentativo di spaventare e costringere l'esercito avversario in una repentina ritirata: ed essi effettivamente fuggono, ma solo per l'aiuto silente che il premuroso bardo Sven Ingenson si è curato di prestare al suo compagno.Nessuno tuttavia se ne accorgerà, e molte donzelle in città faranno riferimento al fallo del vichingo Úlfheðinn come "quella prodigiosa verga", destinata ad entrare ormai nelle leggende popolari. I non-morti tuttavia si ritirano senza indugio, e l'attacco nemico, per il momento, sembra essere stato sventato.

Yggdrasil23

Un dettaglio del bassorilievo di Re Uther: Jörmungandr.

Re Uther, dopo essersi consultato con il suo fidato druido Toutatis, decide di affidare un ultimo incarico ai prodi guerrieri che hanno già salvato la città: la tempesta di vendetta che si abbatte sulla cupola, infatti, non accenna a diminuire e -fatto ancor più spaventoso- l'apparizione di un volto al di sopra di Thorodil impilica una qualche minaccia molto più severa di una semplice risurrezione dei morti. I compagni vengono così fatti entrare nella sala del trono (dove Re Uther siede su un magnifico trono che ha di fronte uno splendido bassorilievo di Yggdrasil) e poi mandati ad investigare nella foresta (dietro suggerimento di Toutatis) non senza, ovviamente, la promessa di una preziosa ricompensa.


Episodio 2: Segreti nell'OmbraEdit

I nostri avventurieri scoprono che dietro la resurrezione dei morti e la tempesta che si abbatte sulla città c'è la sinistra magia runica di un malvagio Chierico, palesemente fanatico, che si proclama il prescelto da Loki per annunciare la sua venuta su Midgard e, di conseguenza, la sua conquista. Strani rituali alimentano il suo potere: Rune, Querce magiche e quelli che sembrano essere sacrifici umani (un uomo, una donna e un bambino), in realtà pure riserve e fonti di potere da cui attingere continuamente.

Immagineizr

Il malvagio chierico di Loki.

Il gruppo decide di dividersi: Daki Bane, Rewit ed Randver fronteggiano un disumano scontro contro il possente Chierico e più volte sono costretti a cadere sotto i violenti colpi del suo mazzafrusto. Daki Bane dà libero sfogo a tutta la sua ira e potenza, ma invano: il sapiente uso della magia runica permette al Chierico di compiere terribili artifizi illusori. Soltano la saggezza e l'intelligenza di Úlfheðinn, Thom e Gamalor riescono a recidere gli oscuri vincoli che legano le fonti del potere al Chierico: per arrestare questo flusso, il Vril, dapprima liberano le Rune dalla loro prigionia interpretando il loro significato per recitare un incantesimo di arresto, poi sciolgono i legami che le Radici della Quercia Sacra avevano stretto con Midgard ed infine costringono gli esseri umani imprigionati a compiere un suicidio. Soltanto il bambino viene salvato: Gamalor riesce infatti a fare emergere il suo potenziale magico e ad usarlo per liberarsi; da questo momento il nostro chierico lo porterà sempre con sé, come suo apprendista.

Le azioni di Úlfheðinn, Thom e Gamalor permettono a Daki Bane, Rewit e Randver di porre fine alla vita del Chierico Oscuro, sprigionando nell'aria le ultime forze oscure ancora controllava, e che si allontanano nella neve e nel vento come se un agghiacciante grido di disperazione le seguisse attraverso la bufera.

La gioia e la felicità sono ovunque a Thorodil: grazie alle loro gesta, un tenue raggio di sole filtra dalle impenetrabili nubi del Nord e rischiara la via del ritorno degli eroi: gli Dei sono con loro. Si festeggia e si scoperchiano fusti di idromele per rendere onore a chi ha messo a rischio la vita per difendere il proprio popolo: l'eroismo è già leggenda, e la leggenda è già mito; i bardi cantano e narrano, ispirando tutti i vichinghi della regione e riportando alla memoria gli antichi valori dell'Onore e della Gloria che finora erano rimasti congelati nello sterile ghiaccio della paura e della morte. Re Uther invita così i guerrieri nella Sala degli Eroi e, per la prima volta, egli si alza dal trono levando in alto un boccale per celebrare la tanto agognata vittoria. In mezzo ai festeggiamenti nella Sala, il vecchio re poi avanza nella stanza reggendo con le mani un oggetto avvolto in un panno: si tratta della ricompensa per gli avventurieri, un magnifico corno dorato che emana una luce senza pari, talmente forte da poter illuminare il cielo di una notte senza stelle come se fosse giorno.
Cornettoalgida

Il Corno spezzato di Re Uther.

Il Re spiega loro che su tutta Midgard probabilmente non esiste artefatto più potente di questo cimelio a cui però manca tutto il canneggio iniziale, volutamente separato e nascosto da un regno allora rivale, Norsfolk, che temeva l'utlizzo dello strumento come arma in battaglia. Si narra infatti che il corno doni a colui che lo suoni il potere di ascendere fra gli Dei ad Asgard.

Spinti così dal desiderio di completare il divino strumento, la compagnia attraversa le lande gelate fino a giungere nel regno di Norsfolk in cerca di risposte.

Episodio 3: Sole di MezzanotteEdit

Sulla via per giungere a Norsfolk, gli eroi incontrano un manipolo di pochi soldati visibilmente provati: essi intonato un canto funebre guidati mentre il loro comandante, il principe Rigrid, li conduce alle loro case. Alle soglie del cancello dell'imponente megalopoli li sta aspettando Sigvald, principe e fratello maggiore di Rigrid, pronto ad ammonire il consanguineo per l'insana guerra che ha voluto intraprendere: egli ha infatti mosso le sue truppe contro un nemico innocuo, i Centauri, soltanto perché questi ultimi rappresentavano una potenziale minaccia. A sua volta Rigrid rinfaccia al fratello che il suo spirito "buonista" e "mercanteggiante" non trova posto nelle più sacre tradizioni nordiche, costellate di eroi e di guerrieri e non di bottegai codardi e meschini.

Tumblr m8b937OKPL1qc29lyo1 1280

Farengar nei suoi giorni migliori.

Ma alla compagnia questo diverbio non tange e si recano immediatamente alla corte del Re Alfr che, tuttavia, non offre loro molto aiuto nella ricerca del corno: il re è molto malato e una febbre malevola offusca la sua mente; solo la sua moglie, la Regina Hjord è bendisposta al dialogo, ammettendo tuttavia di non conoscere l'ubicazione del pezzo mancante. Si fa avanti dunque una sinistra figura: Farengar, sedicente mago di corte nonché precettore e servo di Rigrid, avverte i compagni che il suo padrone potrebbe essere in possesso delle informazioni mancanti, ma viene immediatamente zittito dalla Regina. Sembra infatti che esista una sorta di registro in cui vengono trascritti gli eventi più importanti a cui però soltanto il Re può accedere liberamente; e, secondo il personalissimo parere della Regina, Rigrid non riuscirà mai a mettervi sopra le mani. Ad appoggiare questa sentenza è Reginn, il regale fabbro, un burbero nano che giochicchia con una strana moneta, nonché amico di vecchia data di Sigvald. Non potendo fare altro che aspettare, gli eroi decidono di passare la notte nel castello; un evento inatteso
Sigvald

Sigvald.

sconvolge, però, la tranquillità della notte: la Regina Hijord giace senza vita appesa per una corda al soffitto. Grazie agli sconvolgenti poteri di Gamalor, si scopre che l'apparente suicidio sia in realtà un bruto assassinio di cui si suppone che Farengar ne sia il mandante: tuttavia i servi e le guardie che vegliavano quella sera giurano di aver scorto un'ombra aggirarsi nel castello, lesta come il divino Ratatosk e silenziosa come i passi di un gatto; notano anche però che nonostante non l'abbiano veramente veduta, questa li abbia in un qualche modo ammaliati. Destatosi Re Alfr dal sonno notturno e appresa la grave situazione, decide seduta stante di nominare un erede al trono, ora che la sua unica altra giudice giace morta: e, inaspettatamente, forse confuso dalla febbre che gli attanaglia il cervello, sceglie come futuro re Rigrid. A Sigvald, atterrito dalle parole del padre, non rimane che un'unica via per salvare il regno dall'insano governo del fratello: decide così di sfidarlo al Thig, la contesa d'onore, e chi ne uscirà vincitore sarà il legittimo Re. Così l'indomani tutto il popolo presenzia nell'Arena al mortale duello tra i due fratelli: la vittoria sembra essere di Sigvald
Rigrid

Rigrid.

quando, inspiegabilmente (forse per opera di alcuni dei nostri eroi), quest'ultimo rimane improvvisamente cieco. Rigrid approfitta del momento per sferrare un colpo mortale al fratello, ed egli cade sconfitto. Si scatena così una rivolta: Reginn e qualche guardia di palazzo fedele a Sigvald urlano al tradimento e all'inganno, e scendono nell'Arena decisi a mettere a ferro e fuoco il regno. Rigrid ordina tempestivamente ai suoi soldati di incarcerare Sigvald che ancora respira, ma Rewit e Thom, accorrono in difesa di Reginn trasportando nelle foreste il corpo dello sconfitto mentre restano immobili a guardare gli eventi che si susseguono Randver e Ulfhdinn, come se già troppo invischiati in qualche oscuro patto.

Dopo aver represso nel sangue la magra rivolta che si era accesa per consentire la fuga a Sigvald, Rigrid prende dalle mani la corona del padre e si proclama Re di Norsfolk, e come primo editto dichiara di voler muovere guerra ai rivoltosi ancora in vita, usando l'ultima delle carte a sua disposizione: i Giganti di Ghiaccio...

Episodio 4: Il Martello Della GuerraEdit

Come è possibile che Rigrid controlli forze possenti come quelli dei Giganti? Come finirà la Guerra fratricida? E quali maschere sta portando Farengar? E chi è in definitiva che ha ucciso la Regina Hjord? Riusciranno gli Dei da Asgard a vedere il disastro che sta dilagando sotto i loro occhi?

<<Dormire non posso  su guanciali di mare  per lo stridor d'uccelli; sveglia mi tiene  chi da lungi vola  il gabbiano ogni mattino....>>

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.